Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 21 ottobre 2017 - Aggiornato alle 6.00

Impresa

È sottrazione fraudolenta se vanifica una riscossione anche solo ipotizzabile

La fattispecie è riconducibile alla nozione di reato di pericolo concreto

/ Stefano COMELLINI

Venerdì, 17 febbraio 2017

Il reato di “sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte” (art. 11 del DLgs n. 74/2000) si perfeziona con condotte, normativamente tipizzate, idonee a vanificare una procedura di riscossione erariale, anche futura e solo ipotizzabile.
Si conferma così, con la sentenza n. 7394 della Cassazione di ieri, l’orientamento dei giudici di legittimità circa la struttura del reato quale fattispecie di pericolo.
La condotta sanzionata consiste, infatti, proprio nell’alienare simulatamente o nel compiere altri atti fraudolenti, diretti ad eludere l’adempimento di obbligazioni tributarie, di sanzioni o di interessi che scaturiscono dall’inosservanza delle norme tributarie, e causa del rischio di inefficacia, totale o parziale, della procedura erariale di riscossione

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU

Scopri di piu' Chiudi
X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.