Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 21 novembre 2017 - Aggiornato alle 6.00

Lavoro & Previdenza

Obbligo di richiesta del formulario A1 per le trasferte comunitarie

Il datore di lavoro deve richiedere il modello che individua la legislazione applicabile, anche se esso non ha natura autorizzatoria

/ Andrea COSTA

Lunedì, 6 novembre 2017

La definizione della legislazione di sicurezza sociale applicabile al lavoratore assegnato all’estero richiede una preventiva analisi delle fonti multilivello di non sempre facile soluzione, soprattutto per le aziende chiamate per la prima volta a gestire la mobilità transnazionale dei propri dipendenti.

La disciplina è infatti regolata diversamente in funzione del Paese di assegnazione, se appartenente all’Ue o extra Ue, se convenzionato con l’Italia o meno. La necessità di adeguare la normativa alle nuove esigenze di coordinamento dei sistemi di sicurezza sociale porta inoltre a una continua evoluzione dell’impianto normativo – così come testimoniato dall’entrata in vigore, dal 1° ottobre 2017, del nuovo Accordo bilaterale di sicurezza sociale con il Canada (si ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU

Scopri di piu' Chiudi
X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.