Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 16 luglio 2018 - Aggiornato alle 6.00

Notizie in breve

Il danno da demansionamento si prescrive dieci anni dopo la cessazione della condotta

/ REDAZIONE

Martedì, 17 aprile 2018

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 9318 depositata ieri, ha affermato che, al fine di individuare il dies a quo di decorrenza del termine prescrizionale, occorre distinguere tra illecito istantaneo con effetti permanenti (che si esaurisce in un lasso di tempo definito, lasciando permanere i suoi effetti nel tempo) e illecito permanente, nel quale la condotta contra ius si protrae, così protraendo la verificazione dell’evento in ogni momento della durata del danno e della condotta che lo produce.

Nel primo caso, in base all’art. 2935 c.c., la prescrizione decorre dalla data in cui si è verificato il fatto (purché il danneggiato ne sia consapevole e non sussistano impedimento giuridici a far valere il diritto al risarcimento), mentre nel secondo caso, nella ricorrenza degli stessi presupposti, la prescrizione della pretesa risarcitoria decorre dalla data di cessazione della condotta illecita.

Nello specifico, la condotta datoriale che si concreta nella protratta adibizione del lavoratore a mansioni inferiori a quelle spettanti rientra tra le condotte illecite permanenti e, ai fini della prescrizione, deve aversi riguardo del momento della cessazione della stessa e non della data in cui si manifesta il danno da demansionamento subìto dal lavoratore.

TORNA SU

Scopri di piu' Chiudi
X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.