X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 15 agosto 2018 - Aggiornato alle 6.00

Lavoro & Previdenza

Europa più attenta al sociale con la nuova direttiva sul distacco

Viene introdotto un miglioramento dei diritti dei lavoratori e una concorrenza più equa tra imprese

/ Andrea COSTA

Venerdì, 1 giugno 2018

La definizione della legislazione applicabile al distacco transnazionale dei lavoratori nell’ambito di una prestazione di servizi ha rappresentato un tema molto impegnativo per le istituzioni europee chiamate a individuare il complicato equilibrio tra diritti egualmente garantiti dai Trattati.
Se in un primo momento, anche a seguito delle pronunce della Corte di giustizia, tale equilibrio era più “sbilanciato” verso la tutela della libertà di circolazione dei servizi, nel tempo il legislatore comunitario ha agito contrastando le pratiche di dumping sociale, ovvero l’utilizzo fraudolento del distacco finalizzato esclusivamente a lucrare sui differenziali del costo del lavoro nei vari Stati europei.

In ambito europeo il distacco non è limitato all’istituto da noi conosciuto ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU

Scopri di piu' Chiudi