X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 18 agosto 2018 - Aggiornato alle 6.00

Il Caso del Giorno

Per cessioni intra-Ue di mezzi di trasporto nuovi IVA sempre a destinazione

/ Francesco D'ALFONSO

Giovedì, 14 giugno 2018

In base alla attuale normativa in materia di scambi intra-Ue, laddove i beni vengano ceduti con trasporto o spedizione in un altro Stato Ue deve farsi riferimento alla disciplina prevista per i c.d. “scambi intracomunitari”.
Tale disciplina si caratterizza, in particolare, per l’applicazione della non imponibilità IVA con riferimento alla cessione che dà luogo alla spedizione o al trasporto intra-Ue dei beni e per la tassazione del corrispondente acquisto intracomunitario nello Stato membro di destinazione.

In relazione alle operazioni che coinvolgono privati consumatori, l’operazione di cessione dovrebbe, invece, essere tassata, in linea di principio, nello Stato membro di partenza dei beni. Tuttavia, nell’attuale sistema transitorio il principio impositivo di destinazione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU

Scopri di piu' Chiudi