X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 18 agosto 2018 - Aggiornato alle 6.00

Lavoro & Previdenza

Illegittimo il licenziamento per scarso rendimento prima del superamento del comporto

La Cassazione ha richiamato il proprio consolidato e costante indirizzo in materia in un caso di eccessiva morbilità

/ Viviana CHERCHI

Giovedì, 14 giugno 2018

È illegittimo il licenziamento intimato per scarso rendimento dovuto essenzialmente all’elevato numero di assenze, ma non tali da esaurire il periodo di comporto.
Lo ha ribadito la Corte di Cassazione con la sentenza n. 15523, depositata ieri, tornando ad affrontare il tema del licenziamento per eccessiva morbilità.

Si ricorda che, in caso di malattia, a norma dell’art. 2110, comma 2 c.c., il datore di lavoro non può licenziare il lavoratore se non dopo la scadenza del termine di conservazione del posto (c.d. “periodo di comporto”).
Nel caso posto all’esame della Suprema Corte, un lavoratore era stato licenziato per scarso rendimento per aver effettuato, nell’arco di sei anni, reiterate assenze per malattia che, a giudizio dell’impresa, avevano causato

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU

Scopri di piu' Chiudi