X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 18 agosto 2018 - Aggiornato alle 6.00

Notizie in breve

Resta senza compensi il sindaco inadempiente

/ REDAZIONE

Giovedì, 14 giugno 2018

La Cassazione, con la pronuncia n. 15424/2018, ha ribadito che il dovere di vigilanza imposto ai sindaci di spa, ex art. 2403 c.c., non è limitato allo svolgimento di compiti di mero controllo formale, ma si estende anche al potere-dovere di adottare tutti i comportamenti sostitutivi atti a porre rimedio alle irregolarità riscontrate, ivi comprese – in relazione alle specifiche situazioni – la tempestiva denuncia dei fatti al Tribunale ai sensi dell’art. 2409 c.c. al fine di ottenere un controllo giudiziario della correttezza della gestione, o anche il promovimento dell’azione di responsabilità nei confronti degli amministratori (cfr. Cass. n. 13517/2014).

Dall’accertata grave inottemperanza a tali doveri consegue la legittimità del rigetto – sulla base dell’eccezione di inadempimento di cui all’art. 1460 c.c. – della pretesa del sindaco di essere ammesso al passivo del fallimento della società per i crediti professionali derivanti dallo svolgimento del relativo incarico.

TORNA SU

Scopri di piu' Chiudi