X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 23 luglio 2018 - Aggiornato alle 6.00

Economia & Società

Fase di stabilizzazione per i tassi

Importante sarà l’esito della lotta che già si è aperta all’interno della Bce su come continueranno i reinvestimenti nel 2019 una volta terminato il QE

/ Stefano PIGNATELLI

Sabato, 7 luglio 2018

È stata una settimana di calma piatta sui tassi di interesse “core”, nonostante alcune importanti spunti che hanno impattato sulle borse e sulle valute ma non sui tassi.

Il Bund 10 e l’Irs 10, rispettivamente a 0,30% e 0,87%, sono su livelli lontani dal loro fair value ma il repricing, potenzialmente corposo, non sarà immediato e probabilmente lo vedremo, almeno la parte più significativa, nel corso del prossimo anno, mentre qualche aggiustamento potrebbe avvenire nel momento in cui si allontanasse l’incertezza sull’Italia. Anche nelle giornate pesanti dell’azionario si è notato come area 0,30%-0,25% sia un livello difficile da violare al ribasso (segui tassi e spread su www.ildirettorefinanziario.it).

Molto importante in chiave tassi sarà l’esito della ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU

Scopri di piu' Chiudi