X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 23 luglio 2018 - Aggiornato alle 6.00

Fisco

Senza agevolazioni ICI le abitazioni principali con ridotti consumi d’energia

È sufficiente l’elemento presuntivo relativo all’esiguità dei consumi elettrici per disconoscere i benefici, pur in presenza di residenza anagrafica

/ Arianna ZENI

Venerdì, 13 luglio 2018

Nell’ordinanza 7 giugno 2018 n. 14793, la Corte di Cassazione ha deciso che il Comune può disconoscere le agevolazioni previste per l’ICI in relazione alle abitazioni principali se i consumi elettrici sono bassi.

Secondo i giudici, quindi, è sufficiente l’elemento presuntivo relativo alla esiguità dei consumi elettrici per non riconoscere le agevolazioni previste per le abitazioni principali, pur in presenza di residenza anagrafica presso l’immobile oggetto di controversia. Le risultanze anagrafiche, inoltre, “rivestono un valore presuntivo circa il luogo di residenza effettiva e possono essere superate da prova contraria, desumibile da qualsiasi fonte di convincimento e suscettibile di apprezzamento riservato alla valutazione del giudice di merito”.
Il fatto

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU

Scopri di piu' Chiudi