Recupera Password

Fisco

Sanzioni piene per la tardiva fatturazione

Le norme che fissano i termini di emissione e registrazione delle fatture sono inderogabili perché connesse con la scansione dei versamenti IVA

/ Alessandro BORGOGLIO

Giovedì, 16 gennaio 2014

La tardiva fatturazione di operazioni imponibili costituisce una violazione sostanziale agli obblighi di documentazione e registrazione in materia di IVA, comportando l’applicazione delle sanzioni previste e senza alcuna possibilità di considerare il ritardo come una mera irregolarità non sanzionabile a mente delle norme statutarie. È quanto stabilito dalla Corte di Cassazione, con la sentenza 656 di ieri, 15 gennaio 2014.

Come noto, l’art. 21 del DPR 633/1972 dispone che per ciascuna operazione imponibile deve essere emessa fattura al momento di effettuazione dell’operazione. Il successivo art. 23 stabilisce, poi, che il contribuente deve annotare entro quindici giorni le fatture emesse, nell’ordine della loro numerazione e con riferimento alla data della loro emissione, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU

Scopri di piu' Chiudi
X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.