Recupera Password

Fisco

Fideiussione con imposta di registro dovuta in misura proporzionale

L’alternatività tra IVA e registro non va valutata rispetto all’obbligazione principale

/ Giovambattista PALUMBO

Mercoledì, 24 febbraio 2016

La Commissione tributaria provinciale di Firenze, con la sentenza n. 129/6/16 del 26 gennaio 2016, ha stabilito alcuni principi che vale la pena richiamare.

Nel caso di specie, un ente creditizio ricorreva avverso l’avviso di liquidazione dell’imposta di registro relativa ad un decreto ingiuntivo, eccependo la violazione dell’art. 40 del DPR 131/86 (che enuclea il principio di alternatività IVA-registro), in quanto, trattandosi di decreto ingiuntivo ottenuto dalla banca (soggetto IVA), in ragione di un concesso finanziamento (operazione “soggetta” ad IVA), la condanna si doveva configurare come pagamento soggetto ad IVA. L’atto, dunque, secondo il ricorrente, andava registrato a tassa fissa e non con aliquota proporzionale per il principio della prevalenza

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU

Scopri di piu' Chiudi
X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.