Recupera Password

Impresa

L’imprenditore individuale cessato non sfugge al fallimento della società di fatto

La revoca del suo fallimento non preclude l’estensione ad esso del fallimento relativo alla società di fatto cui ha dato vita con un terzo

/ Maurizio MEOLI

Giovedì, 25 febbraio 2016

La Cassazione, nella sentenza n. 3621 depositata ieri, ha precisato che la revoca del fallimento di un imprenditore individuale perché cancellato dal Registro delle imprese da oltre un anno, ex art. 10 del RD 267/42 (L. Fall.), non preclude l’accertamento di una società di fatto tra lo stesso imprenditore ed altro soggetto il cui eventuale fallimento si estende ai relativi soci, ivi incluso l’ex imprenditore individuale; ciò in applicazione dell’art. 147 L. Fall. che converte la responsabilità illimitata in requisito di fallibilità derivata (o prodotta) da quella sociale.

Nel caso di specie, nel marzo 2012, il Tribunale di Trani pronunciava, in estensione al fallimento di un’impresa individuale, ex art. 147 L. Fall., il fallimento della società di fatto tra l’imprenditore ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU

Scopri di piu' Chiudi
X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.