Recupera Password

Impresa

Prezzo immodificabile dopo l’esercizio del diritto di opzione

In tal caso non rileva il cambiamento nella qualificazione dell’immobile pubblico da dismettere

/ Michela SCHEPIS

Sabato, 26 marzo 2016

Ai fini della determinazione del prezzo, è irrilevante la modifica della qualificazione dell’immobile pubblico da dismettere da “non di pregio” a “di pregio”, successiva all’esercizio del diritto di opzione, da parte del conduttore dell’immobile. Infatti, il contratto preliminare concluso tra il locatore e il conduttore dà diritto a quest’ultimo di perfezionare l’acquisto al prezzo fissato al momento dell’esercizio del diritto di opzione, corrispondente all’accettazione del conduttore. Tale principio è stato affermato dalla Cassazione, a Sezioni Unite, con la sentenza n. 6023 depositata ieri.

Nel caso di specie, l’INPS inviava alla conduttrice di un immobile locato, classificato come “non di pregio”, una lettera

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU

Scopri di piu' Chiudi
X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.