Recupera Password

Lunedì, 26 giugno 2017 - Aggiornato alle 6.00

Impresa

Nel fallimento applicabile la legge di un altro Stato Ue

Le parti, però, non devono aver scelto tale legge in maniera fraudolenta o abusiva

/ Roberta VITALE

Lunedì, 19 giugno 2017

La Corte di Giustizia, con la sentenza resa nella causa C-54/16, si è pronunciata sull’interpretazione dell’art. 13 del Regolamento (CE) n. 1346/2000, relativo alla legge applicabile in caso di compimento di atti pregiudizievoli nell’ambito di una procedura di insolvenza.
Il caso di specie si caratterizza perché l’atto controverso trovava la sua fonte in un contratto fra due società che, per volontà delle stesse, prevedeva l’applicazione della legge di uno Stato membro (lex causae) diverso dallo Stato di apertura (lex fori concorsus).

Più precisamente, la causa ha ad oggetto una domanda di pronuncia pregiudiziale proposta dal Tribunale italiano nell’ambito di una controversia tra una società in fallimento e un’altra società, entrambi residenti in Italia, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU

Scopri di piu' Chiudi
X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.