Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 12 dicembre 2017 - Aggiornato alle 6.00

Professioni

Valutazione del rischio di riciclaggio con procedure adeguate

I professionisti dovranno adottare tali procedure secondo le indicazioni fornite dai rispettivi organismi di autoregolamentazione e vagliate dal MEF

/ Annalisa DE VIVO

Lunedì, 19 giugno 2017

L’intero sistema di prevenzione di riciclaggio e finanziamento del terrorismo congegnato dalla quarta direttiva antiriciclaggio ruota intorno al concetto di valutazione del rischio. Quest’ultimo è già presente nella terza direttiva, tanto è vero che il DLgs. 231/2007 all’art. 20 del testo vigente – anche se per poco – ne recepisce i contenuti, imponendo ai soggetti obbligati di parametrare le misure di adeguata verifica della clientela al coefficiente di rischio riscontrato con riferimento sia al cliente, sia alla prestazione/rapporto professionale.

Accogliendo le raccomandazioni GAFI del 2012, il legislatore comunitario amplia il suddetto principio, ponendolo quale riferimento, da un lato, nell’adozione dei presidi da parte dei soggetti obbligati e, dall’altro, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU

Scopri di piu' Chiudi
X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.