Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 19 ottobre 2017 - Aggiornato alle 6.00

Lavoro & Previdenza

Licenziabile il dipendente che controlla senza motivo le telefonate dei clienti

Per la Cassazione il vincolo fiduciario può essere leso anche in presenza di una prassi aziendale tollerante

/ Luca MAMONE

Lunedì, 19 giugno 2017

È legittimo il licenziamento per giusta causa del dipendente di una compagnia telefonica che, violando l’apposito obbligo aziendale di indicare il motivo, visualizza con rilevante frequenza i dati relativi al traffico telefonico di alcuni clienti.
Lo ha stabilito la Corte di Cassazione con la recente sentenza n. 14319/2017, aggiungendo che tale legittimità sussiste anche se la mancata indicazione del “motivo del contatto” è, in genere, tollerata per prassi aziendale.
Infatti, ciò che rileva, ai fini della lesione del vincolo fiduciario e della proporzionalità del recesso rispetto alla condotta contestata, sono gli aspetti oggettivi del comportamento del dipendente, anche in relazione alla posizione aziendale e al conseguente grado di fiducia richiesto.

Nel caso in esame, i giudici ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU

Scopri di piu' Chiudi
X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.