Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 23 novembre 2017 - Aggiornato alle 6.00

Impresa

La decadenza dal beneficio d’inventario dipende dall’atto non autorizzato

Il termine decennale per la prescrizione dell’azione decorre dall’evento che ha causato la decadenza e non dall’apertura della successione

/ Roberta VITALE

Giovedì, 14 settembre 2017

Il curatore fallimentare, nell’interesse della massa dei creditori, può agire per l’accertamento della decadenza dal beneficio d’inventario entro 10 anni dalla data in cui l’atto di alienazione non autorizzato è stato compiuto dall’erede, decorrendo il termine di prescrizione solo da tale momento e non dall’apertura della successione ereditaria, né dall’accettazione beneficiata.
È quanto deciso dalla Corte di Cassazione nell’ordinanza n. 21212, depositata ieri.

Nel caso di specie, il curatore del Fallimento di una società in accomandita semplice e dei due soci illimitatamente responsabili aveva chiesto e ottenuto dal Tribunale la decadenza dal beneficio di inventario dell’erede di uno dei due suddetti soci. La decadenza veniva imputata al ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU

Scopri di piu' Chiudi
X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.