Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 21 ottobre 2017 - Aggiornato alle 6.00

Il Caso del Giorno

Non è liberalità indiretta l’ordine alla banca di trasferire titoli a un terzo

/ Mario BONO e Anita MAURO

Giovedì, 12 ottobre 2017

L’Amministrazione finanziaria ha spesso dato per scontato che le attribuzioni liberali operate mediante trasferimenti bancari (bonifici, trasferimenti di strumenti finanziari di vario genere) configurino liberalità indirette.

Ad esempio, tale atteggiamento è emerso in occasione della voluntary disclosure, atteso che l’Amministrazione finanziaria (circ. n. 30/2015 § 1.2) ha precisato che i trasferimenti di ricchezza non formalizzati in atti scritti, come ad esempio le elargizioni di denaro su conti esteri, ricadono nella disciplina prevista, dall’art. 56-bis del DLgs. 346/90, per le liberalità indirette (si veda “Liberalità indirette in disclosure senza sanzioni” del 9 febbraio 2016).
È interessante, ora, valutare se su questo atteggiamento possano riverberare effetti ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU

Scopri di piu' Chiudi
X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.