Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 21 novembre 2017 - Aggiornato alle 6.00

Fisco

Assenza di democraticità e trasparenza da dimostrare negli enti associativi

Il Fisco deve indicare nello specifico le violazioni poste in essere dal contribuente

/ Enrico SAVIO

Martedì, 14 novembre 2017

L’Amministrazione finanziaria non può limitarsi a una generica contestazione della violazione del principio di democraticità e trasparenza nella gestione dell’ente per disapplicare le agevolazioni fiscali proprie del mondo sportivo dilettantistico.
Come affermato dalla C.T. Prov. di Reggio Emilia nella sentenza n. 258/01/17, il Fisco deve dimostrare in concreto le irregolarità commesse dal sodalizio accertato.

In particolare, nell’ambito di un accertamento subito da un’associazione sportiva dilettantistica operante nel settore della danza, l’Agenzia della Entrate aveva riqualificato come “commerciali” le quote di frequenza corrisposte da associati e tesserati (con conseguente recupero a tassazione ai fini IVA e imposte dirette) nonché considerato decaduto ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU

Scopri di piu' Chiudi
X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.