Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 21 novembre 2017 - Aggiornato alle 6.00

Fisco

Principi europei sul diritto di difesa da estendere all’ambito tributario per l’IVA

L’accesso agli atti dovrebbe avvenire prima dell’emanazione della fase di accertamento, con la sola salvaguardia degli interessi generali in conflitto

/ Alberto CALZOLARI e Luca FERRINI

Martedì, 14 novembre 2017

La sentenza dalla Corte di Giustizia in tema di diritto di accesso agli atti da parte del contribuente che sia stato oggetto di un atto d’accertamento da parte dell’Amministrazione finanziaria di uno Stato membro dell’Ue del 9 novembre scorso, relativa alla causa C-298/16, è di grande interesse.

Da un lato, la pronuncia chiarisce ulteriormente la portata del diritto di difesa, secondo la Corte di Giustizia, nell’ambito del procedimento tributario; dall’altro, ci offre lo spunto per un confronto (sicuramente sommario, basato sulle premesse della sentenza) tra la normativa italiana e quella di uno Stato entrato solo recentemente a far parte dell’Unione europea, ossia la Romania.

Partiamo dal secondo aspetto, dopo aver chiarito che la causa trae origine dal rinvio ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU

Scopri di piu' Chiudi
X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.