Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 12 dicembre 2017 - Aggiornato alle 6.00

Fisco

Ricorso contro i costi da reato senza sindacato penale

A diverse conclusioni si dovrebbe però giungere nell’ipotesi della prescrizione

/ Alice BOANO e Alfio CISSELLO

Venerdì, 24 novembre 2017

In base a quanto disposto dall’art. 14 comma 4-bis della L. 537/93, l’esercizio dell’azione penale ad opera del PM legittima l’Amministrazione finanziaria a disconoscere i costi direttamente sostenuti per il compimento del reato, sempre che si tratti di delitto non colposo.

Nell’ipotesi in cui il contribuente agisca dinnanzi al giudice tributario, vi è da chiedersi quali siano i limiti del sindacato del giudice in relazione al delitto non colposo che si presume commesso. Ciò ha naturalmente riflesso sui motivi di ricorso sollevabili.
Da un lato, infatti, senza la contestazione del delitto non colposo non ci si troverebbe dinnanzi alla Commissione tributaria, dall’altro, il giudice tributario, chiamato a compiere la valutazione, non è dotato di tutti i mezzi ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU

Scopri di piu' Chiudi
X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.