Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 12 dicembre 2017 - Aggiornato alle 6.00

Impresa

Da accertare la disponibilità finanziaria netta per la confisca di prevenzione

Nell’applicazione della misura non si può prescindere da un rigoroso raffronto tra acquisizioni patrimoniali e redditi dichiarati

/ Stefano COMELLINI

Giovedì, 7 dicembre 2017

L’applicazione della misura di prevenzione della confisca deve fondarsi su un’analitica e rigorosa comparazione, per periodi specifici, tra acquisizioni patrimoniali del soggetto pericoloso, da un lato, e redditi dichiarati e attività economiche svolte, dall’altro.
Questo il principio di diritto contenuto nella sentenza n. 54882 depositata ieri dalla Cassazione.

Nel caso di specie, dopo un primo passaggio avanti la Corte di legittimità, che aveva annullato un precedente decreto di confisca, il giudice del rinvio aveva disposto nei confronti del ricorrente la misura di prevenzione patrimoniale della confisca di beni immobili, disponibilità bancarie, postali, titoli di credito, nonché qualsiasi altra forma di investimento mobiliare, quote di partecipazione societaria, valori mobiliari. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU

Scopri di piu' Chiudi
X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.