X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 18 agosto 2018 - Aggiornato alle 6.00

Fisco

Sanzioni per l’invio del modello F24 con l’home banking

Nel giro di pochi giorni, due diverse sezioni della C.T. Prov. di Bergamo sono giunte a conclusioni diametralmente opposte

/ Alice BOANO e Massimo NEGRO

Sabato, 13 gennaio 2018

È punibile ai sensi dell’art. 11 comma 1 lett. a) del DLgs. 471/97 la condotta del contribuente che, per effettuare compensazioni orizzontali del credito IVA utilizza, per la presentazione del modello F24, il servizio di home/remote banking in luogo dei canali telematici Entratel o Fisconline.
È questa la conclusione a cui è giunta la Commissione tributaria provinciale di Bergamo, con la sentenza n. 429 depositata il 18 agosto 2017.

La stessa Commissione, seppure attraverso una diversa sezione, è giunta a conclusioni diametralmente opposte pochi giorni dopo, mediante la sentenza n. 435 depositata il 1° settembre 2017, che presentava una vicenda dai contorni simili (si veda “Non sanzionabile l’invio dei modelli F24 con il servizio di remote banking” del 2 novembre

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU

Scopri di piu' Chiudi