Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 23 febbraio 2018 - Aggiornato alle 6.00

Fisco

Rettifica d’ufficio della rendita proposta mediante Docfa da motivare

Basta la mera indicazione dei dati oggettivi e della classe attribuita solo se gli elementi di fatto indicati dal contribuente non sono stati disattesi

/ Antonio PICCOLO

Martedì, 13 febbraio 2018

Con un recente pronunciamento la Corte di Cassazione è tornata a riaffermare, nella profonda sostanza, che la sola indicazione della consistenza, categoria e classe di merito accertata dall’ufficio non è più idonea a motivare l’atto di classamento catastale, anche qualora l’attribuzione della rendita sia stata effettuata a seguito della procedura informatica denominata “Docfa” (Documenti catasto fabbricati).
In altre parole, secondo la sentenza n. 977/2018, la natura partecipativa di questa particolare procedura amministrativa non esime comunque l’ufficio, in caso di variazione della rendita “proposta” dal contribuente, dal dare compiutamente conto delle ragioni per cui disattende gli elementi di fatto addotti dal medesimo contribuente a sostegno

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU

Scopri di piu' Chiudi
X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.