Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 16 luglio 2018 - Aggiornato alle 6.00

Il Caso del Giorno

Rilevanza del licenziamento per scarso rendimento non univoca

/ Francesca TOSCO

Martedì, 13 febbraio 2018

Della fattispecie – frequente nella pratica – del licenziamento per scarso rendimento non c’è traccia nella legge. Essa nasce dall’elaborazione giurisprudenziale: sul suo inquadramento giuridico e sui conseguenti presupposti di legittimità si registrano, però, orientamenti diversi.

Tutta una serie di sentenze tratta tale licenziamento, intimato a fronte di un’esecuzione carente e irregolare della prestazione lavorativa, come una specie del licenziamento per giustificato motivo soggettivo.

In tale ambito, è costante l’affermazione che, per far valere lo scarso rendimento quale giustificato motivo soggettivo di recesso, il datore di lavoro non può limitarsi a provare il mancato raggiungimento del risultato atteso e la sua oggettiva esigibilità, ma deve, altresì, dimostrare ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU

Scopri di piu' Chiudi
X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.