Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 23 febbraio 2018 - Aggiornato alle 6.00

Impresa

Per continuare l’attività aziendale serve nominare l’amministratore giudiziario

Nel caso della commissione di un reato «231» la nomina può evitare il sequestro

/ Maria Francesca ARTUSI

Martedì, 13 febbraio 2018

La nomina dell’amministratore giudiziario è un presupposto imprescindibile per la continuità dell’esercizio dell’attività aziendale, a fronte del sequestro ordinato dopo la contestazione di uno dei reati presupposto previsti dal DLgs. 231/2001.
Tale affermazione viene fatta propria dalla Cassazione, nella sentenza n. 6742 depositata ieri, in un caso in cui il giudice competente aveva rigettato l’impugnazione avverso un sequestro, rilevando l’inesistenza di un amministratore giudiziario, mai nominato nel corso del procedimento penale.

Si trattava di un procedimento in cui erano stati contestati a due società alcuni illeciti ambientali previsti dall’art. 25-undecies del DLgs. 231/2001 ed era stato emesso un decreto di sequestro finalizzato alla confisca per equivalente

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU

Scopri di piu' Chiudi
X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.