Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 22 giugno 2018 - Aggiornato alle 6.00

Fisco

Dalla Fondazione nazionale commercialisti uno studio sui PIR

Il documento pubblicato ieri esamina il quadro normativo e gli aspetti operativi, evidenziando vantaggi e costi dello strumento

/ REDAZIONE

Mercoledì, 14 marzo 2018

L’obiettivo dei piani di risparmio a lungo termine (PIR), introdotti dalla L. 232/2016, risiede nella volontà di immettere flussi finanziari nell’economia reale e nel tessuto produttivo italiano, destinando maggiori risorse al sostegno delle PMI.
Questo strumento di investimento dovrebbe quindi costituire un’utile alternativa per garantire provviste finanziarie alle PMI, le cui criticità connesse a una scarsa capitalizzazione si sono acuite negli anni della crisi e del credit crunch.
A sostenerlo è la Fondazione nazionale commercialisti, che ieri ha pubblicato un documento di ricerca (“I piani individuali di risparmio: quadro normativo e aspetti operativi”) che approfondisce la disciplina.

Come ricorda anche la FNC, i PIR, qui quali il MEF ha pubblicato apposite Linee ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU

Scopri di piu' Chiudi
X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.