Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 16 luglio 2018 - Aggiornato alle 6.00

Lavoro & Previdenza

Oltre tre giorni di assenza ingiustificata non sempre causano il licenziamento

La sanzione espulsiva non è legittima se il datore di lavoro non si è comportato secondo correttezza e buona fede

/ Federica VIVIANI

Martedì, 17 aprile 2018

L’assenza ingiustificata protrattasi per oltre tre giorni può non costituire giusta causa di licenziamento, anche nel caso in cui la contrattazione collettiva preveda, per tale ipotesi, la sanzione espulsiva.
È questa l’indicazione che si ricava dalla sentenza della Corte di Cassazione n. 9339, pubblicata ieri.

La motivazione della decisione descrive i fatti: un lavoratore aveva presentato domanda di fruizione di tre giorni di ferie motivata da “gravi ed improrogabili esigenze familiari”, cui aveva fatto seguito, dopo qualche giorno, il decesso del padre; sebbene l’azienda avesse omesso di fornire riscontro alla richiesta del dipendente, questi si era comunque assentato nel periodo di ferie richiesto; allo scadere dei tre giorni dall’inizio dell’assenza, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU

Scopri di piu' Chiudi
X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.