X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 18 agosto 2018 - Aggiornato alle 6.00

Fisco

Diniego della detrazione nelle frodi carosello con prova ardua per il Fisco

Il cessionario non può chiedere alla controparte le dichiarazioni e i modelli F24

/ Antonio NICOTRA

Mercoledì, 13 giugno 2018

Nello schema tipico della frode carosello “europea”, il cedente effettua una cessione intracomunitaria, non imponibile, a un soggetto cartiera, residente in uno Stato membro. La società cartiera (interponente) acquista senza IVA e rivende successivamente con IVA a un altro soggetto, c.d. broker, che paga l’imposta in via di rivalsa.
Sebbene il perno della frode si identifichi nel comportamento della società cartiera che non versa l’IVA all’Erario, nell’illecito è coinvolto anche il cessionario (che, se del caso, risponderà del reato di cui all’art. 2 DLgs. n. 74/2000), al quale viene negata la detrazione IVA, salva, però, la tutela della buona fede e dell’affidamento di quest’ultimo.
Al fine di occultare l’illecito, inoltre, lo schema

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU

Scopri di piu' Chiudi