X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 15 agosto 2018 - Aggiornato alle 6.00

Il Caso del Giorno

Il Fisco deve dimostrare la parziale inesistenza della sponsorizzazione

/ Antonio NICOTRA

Mercoledì, 16 maggio 2018

I controlli eseguiti dall’Amministrazione finanziaria sulle false sponsorizzazioni hanno interessato, da tempo, il settore delle corse automobilistiche del rally, caratterizzato da un elevato numero di scuderie collegate a società di promozione pubblicitaria.

Il settore delle gare automobilistiche, infatti, si caratterizza per gli alti costi di gestione dei team ed è, per questa ragione, in continua ricerca di finanziatori (sponsor) che ne garantiscano la sopravvivenza.
In tal contesto, il sistema fraudolento favorisce l’evasione fiscale attraverso l’emissione e l’utilizzo di fatture per prestazioni parzialmente inesistenti. Il team incassa le somme necessarie per la partecipazione alle gare, mentre lo sponsor deduce dal reddito il relativo costo e detrae l’IVA (a

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU

Scopri di piu' Chiudi