Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 21 giugno 2018 - Aggiornato alle 6.00

Fisco

Fatturazione elettronica, estensione dubbia ai soggetti identificati ai fini IVA

Qualora un soggetto identificato in Italia dovesse violare l’obbligo, non sarebbe applicabile la sanzione proporzionale

/ Chiara TOMASSETTI e Silvia DI FLORIO

Mercoledì, 13 giugno 2018

A seguito delle modifiche apportate dall’art. 1 comma 909 della legge di bilancio 2018 al DLgs. 127/2015, la fatturazione elettronica diventerà obbligatoria anche per le cessioni di beni e le prestazioni di servizi che coinvolgono i soggetti identificati ai fini IVA nel territorio dello Stato.

In particolare, il comma 3 dell’art. 1 del richiamato decreto legislativo prevede che “per le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate tra soggetti residenti, stabiliti o identificati nel territorio dello Stato, e per le relative variazioni, sono emesse esclusivamente fatture elettroniche” utilizzando il Sistema di Interscambio e secondo il formato XML.

Sulla validità di tale estensione soggettiva nascono tuttavia numerosi dubbi già dalla lettura dei commi 2 e 6 dell’art.

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU

Scopri di piu' Chiudi
X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.