X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 18 agosto 2018 - Aggiornato alle 6.00

Iniziative di Categoria

A Bolzano e Trento al via i tavoli di confronto con le Entrate

/ REDAZIONE

Mercoledì, 13 giugno 2018

Gli Ordini dei commercialisti di Bolzano e Trento danno seguito all’accordo sottoscritto a inizio maggio tra i vertici della categoria e dell’Agenzia delle Entrate e, d’intesa con gli uffici territoriali del Fisco, procedono alla costituzione dei tavoli di confronto.

Nella giornata di ieri, infatti, i due ODCEC, presieduti rispettivamente da Claudio Zago e Pasquale Mazza, hanno firmato i protocolli d’intesa con le due Direzioni provinciali dell’Agenzia delle Entrate, declinando così a livello locale quanto previsto dall’accordo nazionale.

“Abbiamo sempre sostenuto – ha spiegato il Presidente Zago – che fosse necessaria un’evoluzione del rapporto con il Fisco nell’ottica di una maggiore semplificazione e collaborazione e il tavolo va esattamente in questa direzione. Sarà un canale di comunicazione sempre aperto attraverso il quale i nostri professionisti potranno confrontarsi con l’Agenzia delle Entrate per individuare di concerto le soluzioni più idonee a rendere efficienti le nostre attività. Sono certo che dal reciproco ascolto verrà un reale contributo alla risoluzione preventiva delle criticità e sarà favorita la tax compliance”.

Il tavolo avrà l’obiettivo di individuare prassi e procedure organizzative che serviranno a semplificare il rapporto tra Fisco e contribuenti, assicurando comportamenti uniformi nell’applicazione delle norme tributarie.

Come previsto dall’accordo nazionale, il tavolo opererà su due livelli: uno istituzionale, con riunioni tra i Presidenti degli Ordini della Provincia e i direttori provinciali delle Entrate, e uno operativo, a cui prenderanno parte due coordinatori designati da ciascuna istituzione, tre esperti nelle materie che di volta in volta saranno oggetto di confronto e una segreteria di supporto per ciascuna sede delle riunioni.

Prima di attivare l’interlocuzione, ogni organizzazione raccoglierà al proprio interno le segnalazioni degli operatori (legate, ad esempio, a eventuali criticità o disfunzioni organizzative) ed effettuerà una prima istruttoria. Se tali segnalazioni verranno ritenute attendibili e significative saranno portate al tavolo di confronto, per essere affrontate in maniera congiunta. Le eventuali casistiche considerate particolarmente complesse e legate a più strutture periferiche saranno demandate a un tavolo congiunto definito a livello centrale.

Oltre al tavolo di confronto, l’Agenzia delle Entrate si impegna, attraverso il protocollo, a sviluppare il canale Civis e il servizio di assistenza sulle comunicazioni fornito tramite PEC.
Dal canto suo, l’ODCEC di Bolzano promuoverà tale sistema di comunicazione tra i suoi iscritti, in modo da provare a ridurre l’afflusso di contribuenti negli uffici delle Entrate e rendere più efficienti le comunicazioni. In più, l’Ordine inviterà i commercialisti e gli esperti contabili a utilizzare il canale PEC dedicato solo qualora sia necessario allegare della documentazione e a recarsi agli uffici dell’Agenzia esclusivamente per le questioni non risolvibili tramite Civis o comunque per via telematica.

TORNA SU

Scopri di piu' Chiudi