X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 18 agosto 2018 - Aggiornato alle 6.00

Fisco

Importante l’elezione di domicilio prima della cancellazione della società

Considerato l’orientamento della Cassazione, diventa urgente risolvere il problema della notifica degli atti sia alla società che ai soci

/ Andrea CARINCI

Venerdì, 15 giugno 2018

Il ruolo di riscossione sopravvive alla cancellazione della società dal Registro delle imprese e, così, alla sua estinzione.
È questo l’orientamento che sta emergendo presso la Suprema Corte (Cass. nn. 6856/2016 e 31037/2017), prima e a prescindere dall’operatività dell’art. 28 comma 4 del DLgs. n. 175/2014 che ha introdotto il c.d. regime di sopravvivenza delle società. Regime, questo, in forza del quale le società, nei cinque anni dalla loro cancellazione dal Registro Imprese, non si considerano estinte, seppur al limitato fine della validità e dell’efficacia degli atti di liquidazione, accertamento, contenzioso e riscossione.
In conseguenza del regime introdotto dal DLgs. n. 175/2014, ma anche per effetto della citata giurisprudenza, si determina un fenomeno di ultrattività ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU

Scopri di piu' Chiudi