X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 18 agosto 2018 - Aggiornato alle 6.00

Fisco

Commesse pluriennali mai fiscalmente valutate al costo

La derivazione rafforzata non consente in ogni caso di derogare al criterio dei corrispettivi pattuiti

/ Luca FORNERO

Venerdì, 15 giugno 2018

La Fondazione nazionale dei commercialisti ha diffuso ieri il documento di ricerca “Lavori in corso su ordinazione di durata ultrannuale: profili contabili e fiscali alla luce della «nuova» derivazione rafforzata”, che analizza il trattamento contabile, e i connessi riflessi fiscali, delle commesse pluriennali, sia per i soggetti IAS adopter, sia per i soggetti che applicano gli standard interni.

Limitando l’analisi a questi ultimi, nel documento si osserva che, per le micro-imprese, la disapplicazione del principio di derivazione rafforzata comporta il mancato riconoscimento fiscale dei criteri di individuazione della “commessa” indicati dall’OIC 23, diversi da quelli previsti dall’art. 93 del TUIR.
Pertanto, per tali soggetti, l’eventuale adozione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU

Scopri di piu' Chiudi