X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 23 luglio 2018 - Aggiornato alle 6.00

Fisco

Rinuncia al credito seguita da cessione della partecipazione non elusiva

L’operazione determinava, oltre al risparmio fiscale, indubbi vantaggi per le società coinvolte

/ Alessandro BORGOGLIO

Venerdì, 13 luglio 2018

Non è un’operazione elusiva la rinuncia ai crediti da parte della società partecipante nei confronti della società partecipata, con conseguente deduzione della minusvalenza corrispondente ai crediti rinunciati in occasione della successiva cessione a terzi della partecipazione.
Lo ha stabilito la Cassazione, con la sentenza n. 14554/2018.

Dai fatti di causa si evince che la società partecipata era a un passo dal fallimento e la società partecipante si trovava in una situazione prossima alla crisi, sicché con una terza società, di proporzioni mondiali, era stata trovata una soluzione che consentiva il salvataggio di entrambe, mediante la cessione al colosso internazionale delle azioni della partecipante, con azzeramento del capitale e sua ricostituzione a solo carico dell’acquirente,

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU

Scopri di piu' Chiudi