X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 23 luglio 2018 - Aggiornato alle 6.00

Fisco

Valida la notifica PEC anche se il destinatario non riceve il messaggio

La Cassazione si è pronunciata con riferimento alla notifica del ricorso per la dichiarazione di fallimento e del relativo decreto di convocazione

/ Alessandro BORGOGLIO

Sabato, 14 luglio 2018

È particolarmente interessante l’ordinanza 21 giugno 2018 n. 16365, con cui la Cassazione ha assunto un’importante decisione in merito all’utilizzo della PEC per le notificazioni, nel caso specifico relativo a procedure fallimentari, ma le cui conclusioni paiono estendibili anche alle notificazioni tramite PEC nel processo tributario e alle notifiche via PEC delle cartelle di pagamento, così come, più in generale, a tutte le notificazioni degli atti per i quali la legge ne prevede tale modalità.

Per inquadrare la fattispecie, occorre ricordare che, ai sensi dell’art. 15 comma 3 della L. fall., il ricorso per la dichiarazione di fallimento e il relativo decreto di convocazione devono essere notificati, a cura della cancelleria del Tribunale, alla PEC del debitore ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU

Scopri di piu' Chiudi