ACCEDI
Venerdì, 12 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Il conferimento in società di un’azienda individuale non è «trasformazione»

L’alienante non è liberato dai debiti dell’azienda conferita se i creditori non vi hanno espressamente consentito

/ Monica VALINOTTI

Venerdì, 26 aprile 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Cassazione, nell’ordinanza n. 5088/2024, ha ribadito l’orientamento in base al quale il conferimento di un’azienda individuale in una società, sia essa di persone o di capitali, dà luogo a un fenomeno traslativo ai sensi degli artt. 2558 e ss. c.c., tale per cui l’alienante acquista la posizione di socio nella società, ma non è liberato dai debiti relativi all’esercizio dell’azienda ceduta, salvo che risulti l’esplicito consenso dei creditori.

Nel caso di specie, il creditore di un imprenditore individuale agiva giudizialmente per ottenere il pagamento del suo credito, ma l’imprenditore eccepiva la propria carenza di legittimazione passiva in quanto, a suo dire:
- l’azienda originariamente gestita individualmente era stata conferita in ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU