ACCEDI
Giovedì, 13 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Non sono immessi in consumo i beni distrutti per un caso fortuito

Affinché sia riconosciuta l’esistenza del caso fortuito, però, occorre che la perdita sia dovuta a circostanze estranee all’operatore interessato

/ REDAZIONE

Venerdì, 19 aprile 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza relativa alla causa C-509/22, depositata ieri, la Corte di Giustizia dell’Unione europea si è espressa in merito alla compatibilità di alcune disposizioni italiane rispetto all’art. 7 § 4 della direttiva 2008/118/Ce, relativa al regime generale delle accise.

La norma appena menzionata stabilisce che non si considera come “immissione in consumo” la distruzione totale o la perdita irrimediabile dei prodotti in regime di sospensione da accise, per una causa inerente alla natura stessa di tali prodotti, per un “caso fortuito” o per causa di “forza maggiore”.

I giudici unionali si sono espressi con riferimento a un caso verificatosi in Italia, in cui una società la cui attività consisteva nella denaturazione dell’alcol etilico aveva ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU