ACCEDI
Mercoledì, 26 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / TUTELA DEL PATRIMONIO

Dalla residenza fiscale dipende il censimento dei conti correnti

Con le nuove norme, gli intermediari potrebbero richiedere un aggiornamento sullo status del cliente

/ Stefania BARSALINI

Venerdì, 10 maggio 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con l’art. 1 del DLgs. n. 209/2023 il legislatore della riforma fiscale ha proceduto a una radicale riscrittura dell’art. 2 comma 2 del TUIR, che ora stabilisce che, ai fini delle imposte sui redditi si considerano residenti le persone fisiche che per la maggior parte del periodo d’imposta, considerando anche le frazioni di giorno, hanno:
- la residenza ai sensi del codice civile,
- o il domicilio nel territorio dello Stato ovvero sono ivi presenti. Per domicilio si intende il luogo in cui si sviluppano, in via principale, le relazioni personali e familiari della persona.

Salvo prova contraria, si presumono altresì residenti le persone iscritte per la maggior parte del periodo di imposta nelle anagrafi della popolazione residente.
Rispetto alla disciplina vigente fino al 31 dicembre ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU