ACCEDI
Sabato, 20 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Opzioni ancora possibili con spese entro il 30 marzo documentate per lavori effettuati

Sono molti i dubbi interpretativi che derivano dalla norma introdotta dall’art. 1 comma 5 del DL 39/2024

/ Enrico ZANETTI e Arianna ZENI

Sabato, 8 giugno 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

La finalità del legislatore, con il comma 5 dell’art. 1 del DL 39/2024, è quella di “disapplicare la disapplicazione” del “blocco” delle opzioni di sconto o cessione, di cui all’art. 121 del DL 34/2020, per le spese detraibili ai fini del superbonus e degli altri bonus edilizi, sostenute successivamente al 30 marzo 2024, che sono relative a quegli interventi che, al 30 marzo, risultano essere ancora “soltanto su carta”, ossia soltanto su titoli edilizi abilitativi ed eventuali delibere assembleari (quando relativi a parti comuni di edifici condominiali).

Per fare questo, viene introdotta una implicita presunzione assoluta della sussistenza di tale circostanza (intervento ancora solo “su carta”) quando alla medesima data non risultano ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU