ACCEDI
Martedì, 25 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Dal 20 marzo il libro soci delle quotate va aggiornato entro 30 giorni

L’obbligo vale anche per le comunicazioni ai fini dell’intervento e del voto in assemblea

/ Maurizio MEOLI

Lunedì, 22 marzo 2010

x
STAMPA

L’obbligo degli emittenti di aggiornare il libro soci entro 30 giorni dal ricevimento delle comunicazioni e delle segnalazioni effettuate dagli intermediari, e non più entro 90 giorni, è applicabile dal 20 marzo 2010.
A chiarirlo è la circolare Assonime n. 11 del 19 marzo 2010, che fornisce prime considerazioni sul DLgs. n. 27 del 27 gennaio 2010, di recepimento della Direttiva 2007/36/CE, relativa all’esercizio di alcuni diritti degli azionisti di società quotate.

Il dubbio conseguiva dal fatto che le disposizioni contenute nel richiamato DLgs. si applicano con una diversa decorrenza:
- quelle in materia di gestione accentrata e dematerializzazione (artt. 2 e 5 del DLgs. 27/2010) e di sanzioni (art. 4 del DLgs. 27/2010) si applicano dal 20 marzo 2010 (data di entrata in vigore del ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU