X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 28 novembre 2021

IMPRESA

Dal 20 marzo il libro soci delle quotate va aggiornato entro 30 giorni

L’obbligo vale anche per le comunicazioni ai fini dell’intervento e del voto in assemblea

/ Maurizio MEOLI

Lunedì, 22 marzo 2010

x
STAMPA

L’obbligo degli emittenti di aggiornare il libro soci entro 30 giorni dal ricevimento delle comunicazioni e delle segnalazioni effettuate dagli intermediari, e non più entro 90 giorni, è applicabile dal 20 marzo 2010.
A chiarirlo è la circolare Assonime n. 11 del 19 marzo 2010, che fornisce prime considerazioni sul DLgs. n. 27 del 27 gennaio 2010, di recepimento della Direttiva 2007/36/CE, relativa all’esercizio di alcuni diritti degli azionisti di società quotate.

Il dubbio conseguiva dal fatto che le disposizioni contenute nel richiamato DLgs. si applicano con una diversa decorrenza:
- quelle in materia di gestione accentrata e dematerializzazione (artt. 2 e 5 del DLgs. 27/2010) e di sanzioni (art. 4 del DLgs. 27/2010) si applicano dal 20 marzo 2010 (data di entrata in vigore del ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU