X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Divieto di concorrenza anche per chi cede le partecipazioni

/ Enrico ZANETTI

Venerdì, 9 aprile 2010

x
STAMPA

Chi aliena un’azienda, deve astenersi, per il periodo di cinque anni dal trasferimento, dall’iniziare una nuova impresa che, per l’oggetto, l’ubicazione o altre circostanze, sia idonea a sviare la clientela dell’azienda ceduta.
Le parti possono accordarsi nel senso di escludere qualsivoglia inibizione per il cedente, oppure per prevedere limiti anche più stringenti, seppure nel limite oggettivo di un divieto che non può arrivare ad escludere qualsiasi possibile iniziativa economica del cedente e nel limite temporale di un divieto che non può in ogni caso superare i cinque anni.

Il divieto di concorrenza sancito dall’art. 2557 del codice civile si applica, per espressa previsione normativa, nei confronti del:
- cedente che trasferisce l’azienda a titolo ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU