X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 20 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Il «declino» del valore normale in campo IVA secondo Assonime

La circolare commenta i chiarimenti forniti dall’Agenzia delle Entrate nella circolare 18/2010

/ Anita MAURO

Martedì, 27 aprile 2010

x
STAMPA

La legge Comunitaria 2008, nell’abrogare le norme introdotte dal DL 223/2006, ha ristabilito il quadro normativo esistente prima di tale novella: gli Uffici non possono più presumere l’esistenza di corrispettivi non fatturati per il solo fatto che il valore normale degli immobili compravenduti risulti inferiore ai corrispettivi dichiarati.
L’abrogazione, inoltre, determina effetti retroattivi non solo in campo IVA, ma anche in relazione alle imposte sui redditi. Pertanto, le norme abrogate dalla legge comunitaria non possono più trovare applicazione neppure in relazione a fattispecie verificatesi quando le norme medesime erano formalmente in vigore.
Questi sono alcuni dei chiarimenti forniti da Assonime, nella circolare n. 15 di ieri, 26 aprile 2010.

La circolare prende atto ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU