X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Venerdì, 21 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Concorso tra frode fiscale e truffa: la parola passa alle Sezioni Unite

Sul tema, infatti, sono stati registrati contrastanti orientamenti dei Giudici di legittimità

/ Maurizio MEOLI

Sabato, 28 agosto 2010

x
STAMPA

La terza sezione penale della Corte di Cassazione, con ordinanza 21 luglio 2010 n. 28734, ha rimesso alle Sezioni Unite la decisione in ordine alla configurabilità o meno del concorso tra le fattispecie di frode fiscale, di cui agli artt. 2 ed 8 del DLgs. 74/2000, ed il delitto di truffa aggravata in danno dello Stato (art. 640 comma 2 n. 1 c.p.).
Il rapporto tra i ricordati reati, infatti, ha dato vita a contrasti interpretativi in seno alla giurisprudenza di legittimità, rendendo necessario un intervento risolutore.
In particolare, quanto al rapporto tra dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture per operazioni inesistenti (art. 2 del DLgs. 74/2000) e truffa ai danni dello Stato, talune pronunce dei giudici di legittimità (cfr. Cass. 30 gennaio 2007 n. 3257 e 24 febbraio 2004 ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU