X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 6 aprile 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Accordi di ristrutturazione dei debiti e finanza: tutela «intermittente»

/ Alberto GUIOTTO

Martedì, 28 settembre 2010

Con la manovra economica estiva, il legislatore ha confermato la volontà di agevolare il superamento della crisi d’impresa attraverso strumenti alternativi alle procedura concorsuali.
L’art. 48 della L. 122/2010, infatti, ha notevolmente potenziato l’efficacia degli accordi di ristrutturazione dei debiti previsti dall’art. 182-bis del RD 16 marzo 1942, n. 267 (c.d. “legge fallimentare”) introducendo da un lato un meccanismo protettivo da azioni cautelari da parte dei creditori e, dall’altro lato, maggiori tutele a favore dei soggetti che finanzino l’impresa in stato di crisi.
Con riferimento a quest’ultimo aspetto, infatti, è noto che la difficoltà di accesso a nuove fonti di liquidità rappresenta, in molti casi, una delle principali causa ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU