X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 27 novembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

PROFESSIONI

Una seconda possibilità se non si tenta la mediazione

Il Tribunale di Prato, riguardo un ricorso in materia di locazione, ha concesso altri 15 giorni per la presentazione della domanda

/ Roberta VITALE

Venerdì, 1 aprile 2011

x
STAMPA

Per il mancato esperimento del procedimento di mediazione, qualora la controversia riguardi una delle materie per le quali il legislatore ha previsto la “mediazione obbligatoria”, il giudice adito assegna un nuovo termine per la presentazione della domanda di mediazione.
È quanto previsto dal Tribunale di Prato nel decreto del 30 marzo 2011, che, a pochi giorni dall’entrata in vigore della mediazione quale “condizione di procedibilità della domanda giudiziale” di cui all’art. 5, comma 1 del DLgs. 28/2010, si è così pronunciato su un ricorso in materia di locazione.

Nel caso in questione, il proprietario di un immobile aveva presentato ricorso per la condanna del proprio inquilino, che – a detta del primo – aveva esercitato il recesso dal contratto senza rispettare ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU