Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 18 maggio 2022 - Aggiornato alle 6.00

DOSSIER

Con una spending review al minimo sindacale, aumento dell’IVA inevitabile

L’aumento può slittare al massimo al 2013; in più, il 79,42% grava sui cittadini, il 19,88% su Regioni ed enti locali e solo lo 0,7% sullo Stato

/ REDAZIONE

Giovedì, 3 maggio 2012

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il rapporto del Ministro Piero Giarda quantifica in 295 miliardi la spesa pubblica potenzialmente “aggredibile” ed in 80 miliardi il “di cui” che potrebbe essere concretamente oggetto di revisione nel breve periodo. Come unico obiettivo “definito” della spending review, il Governo si pone però intanto solo una riduzione della spesa pubblica di 4 miliardi sul 2012. Eutekne.info ha elaborato uno studio che quantifica quanto lo sforzo di risanamento gravi su cittadini, Regioni ed Enti locali, Stato.

Dal DEF 2012, emerge che le riduzioni di spesa poste in essere con le tre manovre più la legge di stabilità 2011 ammonterebbero a 8,7 miliardi di euro sul 2012, più altri 14,9 miliardi sul 2013 (totale 23,6 miliardi), più ulteriori 4,1 miliardi dal 2014 (totale 27,7 ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU