X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 1 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Per le verifiche, contano i soli giorni di presenza degli ispettori

Secondo la C.T. Reg. di Bari, le novità apportate dal DL n. 70/2011, pur non essendo retroattive, confermano il senso delle norme previgenti

/ Alessandro BORGOGLIO

Giovedì, 6 settembre 2012

x
STAMPA

download PDF download PDF

Ai fini della disposizione dello Statuto del Contribuente che limita la durata delle verifiche fiscali, si assumono quali giorni utili per il computo temporale soltanto quelli di effettiva presenza dei verificatori presso la sede del contribuente. Tale principio trova conferma nelle modifiche apportate alla disposizione statutaria ad opera del “Decreto Sviluppo” dell’anno scorso. È quanto stabilito dalla C.T. Reg. di Bari, con la sentenza del 10 luglio 2012, n. 46/6/12.

I giudici pugliesi hanno affrontato la vexata quaestio dei termini di durata delle verifiche fiscali e delle relative conseguenze in caso di violazione, richiamando, però, anche le più recenti norme introdotte dal Legislatore. L’art. 7, comma 2, lettera c), del DL n. 70/2011 (convertito, con modificazioni, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU