X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Il contribuente deve scegliere tra bonus del 36-50% e Conto energia

/ Carlo CORRADIN e Arianna ZENI

Martedì, 2 ottobre 2012

x
STAMPA

download PDF download PDF

Riprendendo un tema, il fotovoltaico, del quale ci siano recentemente occupati (si veda “Bonus del 55% e Conto energia mai cumulabili” del 27 settembre 2012), riteniamo sia utile fare ulteriori considerazioni in relazione ai rapporti intercorrenti tra tariffe incentivanti e, questa volta, la detrazione IRPEF del 36-50%.

L’art. 12, comma 2 del DM 5 luglio 2012 (V Conto energia), così come il pressoché identico art. 5, comma 2 del DM 5 maggio 2011 (precedente IV Conto energia), dispone genericamente che le tariffe incentivanti di cui al citato decreto non sono applicabili nel caso in cui per lo stesso impianto fotovoltaico siano state riconosciute o siano state richieste detrazioni fiscali. Sull’assoluta non cumulabilità della tariffa incentivante con l’agevolazione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU