X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Fattura a chi ha comprato i buoni acquisto anche se non ne è effettivo fruitore

/ Marco PEIROLO

Mercoledì, 10 ottobre 2012

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la diffusione del commercio elettronico, sempre più società erogano le proprie prestazioni attraverso i buoni acquisto emessi dai network di vendita a fronte di una commissione. I servizi, in particolare, sono offerti fino ad una determinata data (“termine dell’offerta”) per essere successivamente resi entro il “termine di utilizzabilità”, allorché i possessori dei coupon – che possono anche essere soggetti diversi da coloro che li hanno acquistati – contattano la società fornitrice per richiedere l’erogazione dello specifico servizio.
Nella prassi, inoltre, accade sovente che il fornitore incassi dal network di vendita un acconto anteriormente alla materiale erogazione delle prestazioni.

Agli effetti dell’IVA, si pone il problema di stabilire chi ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU